Cagliari tour e immagini tra i rifugi di guerra

Una serie di incontri ed una visita speciale tra le storie di guerra nella Cagliari di ieri e di oggi, ricordando i bombardamenti del 1943. È quanto propone la va web community per una serie di momenti del ricordo sulla Cagliari (e la Sardegna) al tempo della II guerra mondiale.

Ma cosa accadde esattamente nel capoluogo dell’isola che Mussolini definì la portaerei del Mediterraneo? Quali realtà, quali aneddoti e quali leggende su quel periodo buio della storia?

Porta Stampace
La Porta Stampace a Cagliari

Il ciclo di conferenze imperdibili, sarà incentrato sulla storia di Cagliari al tempo dei tragici eventi della II guerra mondiale, per approfondire vicende e contesti, e per consentire ai più di osservare gli edifici dell’epoca, che sopravvissero a quell’immane sciagura.

Cagliari sotterranea tour Stampace

Si terrà anche una visita che si snoderà tra i quartieri Marina e Stampace, passando tra i luoghi della memoria e che ancora oggi recano i segni e le ferite inferte da cacciabombardieri. Ad esempio  tra le vie Sant’Efisio e Santa Restituta. Si potrà anche accedere, con un gruppo ristretto, anche nella Cagliari Sotterranea, tra gallerie-rifugio adiacenti gli istituti maggiormente frequentati della città. 

La città di Cagliari martoriata dalle bombe della seconda guerra mondiale

Si spazierà, nel raccontare la storia per immagini,  tra le Piazze del Carmine e Matteotti, il Largo Carlo Felice, i portici di via Roma, i vicoli della Marina, le chiese locali, come ad esempio quella di via Azuni , la celebre Fabbrica di Sant’Anna e dintorni.

Già. Ma cosa accadeva nei rifugi? E cosa nella città oramai dilaniata, senz’acqua, senza cibo e senza energia elettrica?

Uno dei tunnel di Cagliari Sotterranea. Foto di Marcello Polastri.

Info e adesioni via whatsapp al 3398001616 o via e-mail a: sardegnasotterranea@gmail.com

 Il ciclo di iniziative sono a numero chiuso.

Commenti