Rifiuti in cima a Monte Claro. L’appello di Polastri contro un possibile degrado

Cagliari. Scaricatori di immondizia e deturpatori tra la macchia mediterranea in cima a Monte Claro? Forse non siamo a tanto, ma i cumuli di macerie sulla collina hanno l’aspetto di un luogo sul quale non è affatto bello incontrare immondizia, in mezzo alla natura.

Specialmente se incappiamo in scaldabagni, plastiche d’ogni genere, cucine e materassi.

Per Marcello Polastri, che ha notato una specie di “discarica a macchia di leopardo, su segnalazione di tanti cittadini, il rischio concreto è che le zone più appartate di Monte Claro possano diventare una discarica, e allora perché non intervenire?

Per la  risoluzione di questo problema: “servono misure urgenti, oltre ad una bonifica a tutela dell’ambiente“.

Da un lato, infatti, c’è la bellezza del parco pubblico di Monte Claro, con le urla festose dei bimbi nei prati verdi ben curati ma, nella parte alta del colle, a breve distanza dalla Biblioteca di Villa Clara, “discariche e cumuli d’immondizia che parrebbero non risparmiare neppure le colline naturali e, a quanto pare, anche le aree video-sorvegliate di Monte Claro, come i terreni della Cittadella della Salute”. 

Rifiuti scaricati da Marcello Polastri a Monte Claro.

 

L’esposto, scritto nero su bianco e spedito con una corposa relazione fotografica alle competenti autorità, è firmata Marcello Polastri, ambientalista, ex presidente di sodalizi speleologici e culturali, ora Consigliere comunale di Cagliari (Sardegna Forte). 

Marcello Polastri

Mi è stata segnalata la presenza di macerie e rifiuti vari – sostiene Polastrima è stato difficile credere ai miei occhi per quanto ho visto oggi, sul posto, tra Monte Claro e Villa Clara: cumuli grandi e piccoli di macerie, ma anche scaldabagni e cucine. Tutt’altro che in un unico spazio o cantiere edile, bensì, in più zone verdi e sulla roccia affiorante cove troviamo cumuli di mattonelle ottocentesche e poi, anche elettrodomestici, pur sempre in mezzo ai cespugli.

Pur sempre poco edificanti nel verde della macchia mediterranea, tra la bellezza di Cagliari che da anni subisce le conseguenze degli abbandoni di immondizia, per colpa di pochi, e ai danni della collettività.  

Macerie scaricate da abusivi e immortalate da Marcello Polastri a Monte Claro.

La colpa? Non è della Città Metropolitana, del Comune o dell’Azienda ATS, si badi, che sono fiducioso ripuliranno  quest’offesa alla bellezza ed alla natura, semmai, il colpevole, è un diffusissimo atteggiamento ostentato dagli scaricatori di rifiuti che pensano di usare impunemente il suolo, abbandonando sacchetto dopo sacchetto, un’intera discarica. E allora perché non trovare un valido deterrente?” puntualizza Polastri.

In tal senso, ieri e stamani, dopo mesi di appelli, è stata avviata la pulizia dello sterrato a monte di via Cadello, tra la Via Is Mirrionis e la Scuola Italo Stagno. Mentre oggi si nota  quest’ennesima presenza di macerie e rifiuti, che, si auspica, non si allarghino a macchia di leopardo” sostiene Polastri. 

La grande area del Parco di Monte Claro per fortuna pulita

Resta, ovviamente, l’amarezza perché sacchetto chiama sacchetto, abbandono potrebbe richiamare abbandono – sostiene Polastriseppur in una zona recintata da alte mura e video-sorvegliata, perché sede della Cittadella della Salute”.

Da qui anche l’appello dell’Organizzazione di volontariato Gruppo cavità cagliaritane che domanda: “Sarà il caso di inserire anche da queste parti speciali foto-trappole?”.

Più che una domanda, l’appello condiviso dal Consigliere Polastri che ha avanzato alle istituzioni come ATS, Città Metropolitana, e Comune di Cagliari, con un atto, “un accorato appello affinché il bellissimo compendio dell’ex Manicomio di Monte Claro, che meritano il giusto rispetto, possano scacciare lontana la paura di diventare come ad una discarica incontrollata. Prevenendo questa evenienza“.

Segue l’appello spedito alle istituzioni dal Consigliere Polastri.

Da: Polastri, Marcello 

Inviato: Sabato 2 ottobre 2021 – h. 7:29 AM

A: atssardegna.it; cittametropolitanacagliari,

Oggetto: Rifiuti nella cittadella della salute di via Romagna – segnalazione con immagini e appello per la loro rimozione

 
 
Alla Città Metropolitana di Cagliari
piazza Palazzo – Cagliari
 
Spett.le ATS
Via Romagna – Cagliari
 
Loro sedi
 

Oggetto: macerie e rifiuti speciali ex Manicomio di Cagliari – segnalazione con immagini e appello per la loro rimozione.

 

È stata segnalata allo Scrivente, e riscontrata ieri da alcuni passanti, la presenza di macerie e altri rifiuti vari abbandonati all’interno dei giardini collinari di Monte Claro, nella zona alta, esattamente nello spazio interno all’ex Manicomio adiacente la biblioteca provinciale.
 
I rifiuti appaiono sparsi al suolo, tra la roccia superficiale e l’erba spontanea, ed anche dentro buste malridotte al punto tale che, appunto al loro interno, si osservano materiali inerti e altra immondizia non differenziata.
 
Altririfiuti, infatti, a “cumulo”, sono facilmente viabili nel territorio collinare, tra la macchia mediterranea del medesimo compendio ex Manicomiale, e un sentiero nascosto, carrabile, forse usato per un abbandono coatto, nella parte alta della collina e pur sempre nel territorio utilizzato dalla Cittadella della Salute – ATS. Il tutto accanto al cancello che separa l’ex Manicomio dall’area di Villa Clara.
 
Tra gli oggetti abbandonati anche graziose maioliche che parrebbero di fine ottocento se non più datate.
 
Laddove necessario, lo Scrivente, si rende disponibile ad accompagnare le SSLL “in situ”. E, infatti, confidando nella certezza di un Vs interessamento, per una sollecita rimozione dei rifiuti, porgo i più sentiti saluti, e tanti auguri di buon lavoro.
 
 

Commenti