Sotto gli ospedali della Cagliari misteriosa

Esiste la possibilità di accedere alla Cagliari sotterranea per visitare le gallerie situate sotto gli ospedali, per ri-scoprire la storia con allegria.

Le muffe e le gallerie: uno studio dimostrò la loro importanza per la Medicina del passato.

Nel quartiere Stampac, ad esempio, possiamo accedere nei meandri  dell’Ospedale San Giovanni di Dio dove vi è uno dei luoghi più singolari della Cagliari sotterranea rappresentato da un tunnel scavato nella roccia calcarea. 

Tra i segreti e i misteri di Cagliari figura anche questo tunnel che sarebbe stato, nel Medioevo, una via di fuga dal Castello alla zona del Porto.

Tuttavia si tratta di una galleria scavata in previsione dello scoppio della seconda guerra mondiale. E che consentì a medici e pazienti di ripararsi durante i bombardamenti del 1943.

NOVITA’. In occasione di Manifestazioni culturali ed eventi, è possibile accedere a questi vecchi passaggi sotterranei e alle gallerie e meglio conoscere le vicende, talvolta  incredibili, della vita vissuta di Cagliari.

Della storia dei presidi ospedalieri della città fanno anche parte gli ex lebbrosari, le precettorie medievali,   i passaggi segreti e i rifugi annessi agli ospedali.

PER PARTECIPARE a questa e ad altre imperdibili iniziative – a numero ridotto – targate ItalTours, potrai utilizzare la info/line anche via sms o  viaWhatApp usando il numero: 3398001616.

Oppure via e-mail a:  sardegnasotterranea@gmail.com 

Visitando i sotterranei di Cagliari

Visitando i sotterranei di Cagliari

Solo ISCRIVENDOTI al web portale SARDEGNA SOTTERRANEA potrai partecipate alle iniziative di più associazioni, ideate dal tour operator ItalTours, dedicate alla Sardegna meno conosciuta e più suggestiva. Infatti, sotto le strade e le piazze, nelle città sotterranee, tra montagne e miniere, oasi verdi e tesori archeologici.

La nostra missione è quella di squarciare le tenebre dell’abbandono, della “non conoscenza” portando un fascio di luce in luoghi identitari sconosciuti ai più.

TI ASPETTIAMO.