Ale Congia. Reporter antidroga nella Cagliari 2.0

La notizia, brutta o bella che sia, è una preda da seguire e come tale va fiutata dietro l’angolo e all’occorrenza sottoterra, come farebbe un eccellente segugio o un hacker esperto. Ma una differenza c’è: bisogna agire alla svelta per una “informazione senza barriere, che deve raggiungere prima d’altri il pubblico“. Emerge questo ed altro se osserviamo il modo di far comunicazione […]

Continua a leggere