Tour Mistery che a Bonaria strega i Cagliaritani

Mistery_Bonaria_Museo2

I momenti del tour mistery

La Cagliari delle mummie e dei tesori, i suoi luoghi sacri e gli ipogei capaci di svelare, se osservati da vicino, incredibili vicende. Soprattutto grazie alle guide turistiche esperte di misteri.

E’ stato questo lo spirito indagatore che ha condotto tanti cittadini nel Mistery Tour. Sabato 13 settembre, in una sera speciale e fino al calar del sole, turisti e cittadini hanno fatto un salto nel cuore della storia, in un luogo-simbolo per la Chiesa mariana in Sardegna: la Basilica di Nostra Signora di Bonaria.

In tanti hanno potuto toccare con mano i tesori storico-archeologici del colle di Bonaria dove grandi e piccini, con il fiato sospeso, hanno udito la storia dell’arrivo dal mare, nel lontano 1300, della cassa lignea con il simulacro della Madonna di Bonaria che fa bella mostra con il braccio il bambin Gesù, nalla grande nicchia dell’altar maggiore del santuario.

L’iniziativa, ideata dall’Associazione Sardegna Sotterranea in collaborazione con il Gruppo di studio Aloe Felice, si è svolta tra l’antica necropoli romana, il cimitero monumentale, le grotte usate per conservare oggetti sacri.

Non solo: è stato anche visitato il Chiostro dei Padri Mercedari ed il loro bellissimo museo.

Collina_Bonaria

La collina con la Basilica

Le sale zeppe di reperti archeologici che dal neolitico abbracciano un arco di tempo lungo oltre tremila anni, le cisterne sotterranee nel cui imbocco benivano appesi fantocci di pezza e di legno, per spaventare i bimbi e non far correre loro il rischio di cadere giù, nelle viscere della terra.

C’era il sale della storia ed il sapore della nostalgia all’iniziativa ideata dall’Associazione Sardegna Sotterranea in collaborazione con il Gruppo di studio Aloe Felice.

Una passeggiata nella storia ma anche nel folclore cagliaritano che si è svolta tra l’antica necropoli usata anche dai romani, il cimitero monumentale, le grotte usate per conservare oggetti sacri.

E’ stato anche visitato e dunque descritto il Chiostro dei Padri Mercedari ed il bellissimo museo con le mummie degli Alagon, morti nel lontano Seicento.

Mistery_Bonaria_Museo1

Tra gli ex voto

Sale zeppe di reperti archeologici che dal neolitico abracciano un arco di tempo lungo oltre tremila anni.

Nelle due ore di passeggiata, cadenzate da brevi soste nei luoghi più significativi della collina di Bonaria, sono stati descritti i numerosi ex voto offerti dai fedeli alla sacra icona arrivata dal mare.

Sulla Madonna di Bonaria, infatti, la grande protettrice di chi va per mare, è stato anche raccontato il legame con Buenos Aires e la sua intrinseca storia.

Con la rivelazione di tanti aneddoti e leggende, di fronte al Cimitero, dove un tempo sorgeva la chiesa di San Bardilio (alias Santa Maria de Portu Gruttis), si è concluso il Tour del mistero.