Fabio Aru

Fabio Aru come Zola e più campioni dall’orgoglio sardo

#FABIOARU è Campione d’Italia. Sul casco del ciclista la raffigurazione di un cavaliere con la bandiera dei 4 mori.

Perché luomini è come un cavaliere dei quattro mori…

Il combattivo ciclista, dopo la vittoria nel 2015 a La VUELTA, in Spagna, ora si è aggiudicato la vittoria al campionato italiano e poi… chissà, al TOUR de FRANCE?

Fabio Aru

Fabio Aru, il Ciclista vincente di origini sarde

A noi ricorda un altro erose sardo, tanto atteso, Gianfranco ZOLA.

Anche lui, dopo l’umiliazione dovuta all’espulsione ai campionati mondiali subito dopo il suo tanto atteso ingresso in campo, si dimostrò campione “dentro” e fuori. Dentro e fuori dal campo, già.

Fabio Aru ciclista

Fabio Aru

IL NOSTRO CICLISTA, originario di San Gavino Monreale, grande assente all’ultimo Giro d’Italia, ha vinto per distacco il campionato italiano professionisti conclusosi l’altro ieri sulle strade di Ivrea.

Poi, in lacrime, Fabio Aru si è commosso proprio mentre parlava ai microfoni dopo la vittoria nel campionato italiano professionisti.

Ha dedicato a un compagno di squadra nell’Astana – che non c’è più – la sua salita nel podio dei campioni.

Fabio Aru campione

Il casco di Fabio Aru con la raffigurazione di un cavaliere con la bandiera dei 4 mori.

 “Sto correndo con la maglia di Michele Scarponi – ha detto, commuovendosi, il sardo neocampione d’Italia -, me l’aveva data a Sierra Nevada e ora la restituirò alla famiglia.

Fabio Aru

Fabio Aru campione sardo del ciclismo

La vita è fatta di momenti belli e brutti, l’importante è rialzarsi, ma sto ritrovando la luce“.

E’ stata veramente dura – ha aggiunto Aru -, sono andato a tutta e ho deciso di attaccare in salita perché volevo fare la differenza e ci sono riuscito“.

Aru, sperava di ben figurare al giro d’Italia e come sappiamo, si infortunò alla vigilia.

Solo il suo “ORGOGLIO sardo”, così ci piace pensare, lo ha portato a vincere, guadagnando di diritto il tricolore al TOUR. E sicuramente farà e ci farà fare bella figura!

 

 

Commenti