Cagliari foto storica

Culi bagnati a Cagliari tra soprannomi e leggende

Cagliari di fine Ottocento: Is Piccioccus de Crobi

Cagliari di fine Ottocento: Is Piccioccus de Crobi

Pottasa su culu infustu“, “hai il sedere bagnato” erano soliti dire – in senso dispregiativo – gli abitanti del Castello ai residenti della Marina. Usanza vecchia di chissà quanti anni, sicuramente secoli e ancora in auge tra il 1800 ed il Novecento. Anzi, c’è chi ancor oggi – nel capoluogo della Sardegna – ripete il detto con la variante: “culusu sfustusu”.

Sederi bagnati” erano quanti risiedevano tra le case adiacenti il mare, tra le viuzze del cosiddetto quartiere La Pola, lambito dall’acqua salata tra il porto e le mura perimetrali di Stampace e di Castedd’e Susu.

Cagliari foto storica

Cagliari e i vecchi cagliaritani

A CASTELLO, quartiere sorto su e attorno ad un alto colle,  abitavano i cittadini “in”, quelli della Cagliari che contava, “Is de nosus” direbbero i Cagliaritani veraci. Così è stato fin dal tempo della dominazione pisana e soprattutto spagnola della città. 

La pola

Il quartiere La Pola o La Marina a Cagliari.

E chi, a Cagliari abitava “in alto”, nella storica sede dei dominatori e dei colonizzatori di turno, a Castello appunto, “viveva” la convinzione di stare “sopra le righe”, nella terrazza più alta della città che consentiva loro di osservare tutto e tutti, gustando il lusso del giudicare.

Il Castello di Cagliari nel 1600

Il Castello di Cagliari nel 1600

Ed ecco perché, quando Is Casteddaius, i castellani, uscivano dal loro nido racchiuso nelle mura per recarsi a La Marina (o La Pola), erano soliti dire per stimolare reazioni o in senso dispregiativo, “funti culusu infustusu“, hanno i “sederi bagnati” perché vivevano accanto al porto,  zona bassa e umida della città  che protendeva i suoi bracci verso quanti arrivavano “a Casteddu”.

Dove Is Casteddaius affibbiavano allumingius, soprannomi e venivano etichettati come “piscia tinterisi” o “piscia arrenconis”. Ovvero grandi piscioni… il perché?
Lo racconteremo nella prossima puntata.

Marcello Polastri

Vedi anche: quando Cagliari veniva chiusa con una grande catena sul mare

Castedd'e Susu

Il Castello di Cagliari

Commenti